Patek Philippe
News

Patek Philippe autorizza i dealer la vendita online

Patek Philippe autorizza i dealer per la vendita online: il lusso diventa digitale? Patek Philippe è un brand indipendente che ha avuto nel corso degli anni i valori familiari come parte integrante della sua storia e della sua cultura.

Ora, con la pandemia di Covid-19 che ha obbligato in quasi tutto il mondo la chiusura di gioiellerie e negozi, si è creato il problema di riuscire ad acquistare anche in questi momenti i segnatempo iconici della storia di Patek.

Cosa è successo allora? La contingenza ha obbligato Patek Philippe ha attenuare le sue regole che hanno impedito ai rivenditori di vendere i propri orologi online. In questo modo anche se le gioiellerie restano chiuse, le vendite dei prodotti potranno esserci ugualmente. Una vera rivoluzione per il mondo del lusso che ha sempre visto l’ecommerce con sospetto a causa soprattutto dell’allure che l’acquisto online non permette di fare.

Per questo, a partire già dall’inizio di questa settimana, è apparso il bottone “aggiungi al carrello” di fianco ad una selezione di modelli Patek Philippe presso i rivenditori di proprietà della famiglia tra cui Jewelers and Laings di Berry.

Gli orologi svizzeri vendono modelli Patek Philippe online nel Regno Unito, ma non negli Stati Uniti: sicuramente ci sarà una evoluzione della cosa ma non resta che stare a vedere che succederà nelle prossime settimane e se sarà possibile acquistare online un Patek in tutto il mondo.

So cosa vi state chiedendo: posso quindi acquistare subito e online uno dei segnatempo più iconici del marchio come un Nautilus o un Aquanaut? No, purtroppo. Ci sono delle limitazioni e i modelli che si possono al momento acquistare sono solo 23 rispetto al catalogo online più vasto.

Si tratta comunque di modelli di grande pregio, pensate che potreste acquistare anche un Patek Philippe Grand Complication in oro bianco a listino per £ 69,450.

Attenzione che Patek Philippe non vende online dal proprio sito Web e altri marchi famosi come Rolex o Audemars Piguet, non hanno allentato le loro politiche per la vendita online. Seguiranno l’esempio di Patek dando il permesso ai soli dealer? Io non credo. Perché ciò che succederebbe sarebbe l’implosione del mercato degli orologi di lusso, in particolare la caduta dello street price di alcuni modelli iconici, il tutto avrebbe una ricaduta sul brand stesso e sul loro prestigio.

Sicuramente tutto dipenderà dai tempi di chiusura dei negozi perché se dovesse protrarsi ancora per molto il lockdown in tutto il mondo forse anche altri brand Svizzeri si sentiranno obbligati ad allentare la morsa sull’ecommerce, staremo a vedere!

Ciao! Mi chiamo Pietro Pannone e sono un amante del mondo dell’orologeria. Ho cominciato, come tanti, guidato dalla voglia di fare e di comprare tanti segna tempo per poi arrivare oggi ad una consapevolezza personale di cosa voglio sul polso. Qualità, movimenti interessanti ma senza disdegnare i quarzi, brand con storia o anche micro brand che hanno voglia di rinnovare e innovare il mondo dell’orologeria. Questo sono io e spero che vogliate seguire i miei post e le mie condivisioni social su questo mondo che tanto amo! Da questa passione nasce quindi “Ghiera”, un piccolo magazine che vuole raccontare questo mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *